ARGENTI

La collezione di argenti del Museo custodisce vari Ostensori del secolo XVIII, il Calice donato da San Giovanni Paolo II nel corso della sua storica visita pastorale del 5 maggio 2002; una Brocca e la Navicella dell’episcopato di Giuseppe d’Amante (1818-1843). La preziosa Croce astile, opera di un ignoto argentiere napoletano della metà del XVIII secolo, che fa parte degli arredi donati alla Cattedrale dal vescovo Felice Amato (1743-1764), la Croce pettorale realizzata in oro e cammei del XX secolo, fu donata dall’Arcivescovo di Napoli, cardinale Alfonso Castaldo al suo segretario il futuro vescovo d’Ischia Antonio Pagano.
Si conserva altresì un Reliquiario chiamato il “Braccio di Sant’Andrea” donato dalla famiglia Cossa all’antica Cattedrale.
Di notevole interesse storico-artistico e liturgico è l’Instrumentum pacis proveniente dall’Arciconfraternita di Santa Maria di Costantinopoli di Ischia, che reca il punzone NAP 71. G.B. che costituisce uno dei pochi esemplari che si custodiscono nell’isola d’Ischia.

arg